orologio



Lettori fissi

parade

martedì 3 gennaio 2012

Tradizioni che vanno sconparendo

                  Mancano pochi giorni all'Epifania
e rovistando vecchie fotografie ne ho trovato una
fine anni quaranta la signora  sorridente e allegra della foto 
è mia Mamma nel cortile della piccola borgata
che sta preparando la ( veccia ) 
il pupazzo che verrà bruciato sul falò 
dell'Epifania,

noi ragazzini cominciavamo la preparazione un paio di mesi prima,
ogni giorno finita la scuola! E' fatti i compiti iniziavamo la 
raccolta di rovi sterpaglie che venivano ammucchiate  
nel cortile in attesa che mio padre preparasse questo 
atteso falò che veniva acceso  il giorno dell'Epifania 
dove ci si riuniva tutta la borgata
uomini donne bambini che ballavano e cantavano 
bevendo vin brulè e mangiando pane con l'uvetta,
il panettone era ancora un sogno
i più anziani guardando il fumo la fuliggine e il fuoco 
erano in  grado di prevedere se l'anno 
era piovoso o secco se il raccolto fosse abbondante o scarso

53 commenti:

  1. Che ricordi caro Fratello, tu eri ancora molto piccolo quando ü stata fatta questa foto, io ho chiuso gli occhi e mi sono visto attorno il falò... Chi emozione pensando hai tempi molto l'ontani.
    Grazie caro fratello Tiziano di questo ricordo.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. ciao Tomaso! Visto quanti anni sono passati quanti bei ricordi,il più bello è che siamo quì ha poterle raccontare,
    un forte abbraccio.

    Tiziano.

    RispondiElimina
  3. ciao Tiziano che bella foto,complimenti, una testimonianza diretta, grazie per averla condivisa, sono tradizioni perse ormai, hai ragione, ma voi che le avete vissute non le dimenticherete piu', bellissimi ricordi, grazie a presto rosa buona serata.)

    RispondiElimina
  4. Che bella emozione caro Tiziano,è bellissimo che lo puoi ricordare con tuo fratello!Che simpatica la tua mamma!Ciao,Rosetta

    RispondiElimina
  5. Ma che bello sapere queste tradizioni!!
    Bravissimo e che sorriso radioso la tua mamma!1
    Un'abbraccio buon inizio 2012
    Anna

    RispondiElimina
  6. la cosa bella è che tu e tuo fratello Tomaso oggi vi parliate attraverso Internet, ieri attraverso il caldo sorriso di vostra madre. E' spero che dalle tue parti quella tradizione non sia scomparsa.
    Buon anno da Paolo
    PS: complimenti per l'abbigliamento molto russo :-)

    RispondiElimina
  7. ciao Rosa grazie ha te! Per la tua immancabile presenza buona serata
    a presto.

    Tiziano.

    RispondiElimina
  8. Grazie Rosetta, per la tua simpatia anche nei confronti della mia cara Mamma ciao.

    Tiziano.

    RispondiElimina
  9. Peccato che queste tradizioni vadano lentamente scomparendo. Tua mamma aveva un sorriso così gioioso e felice! Erano altri tempi.

    RispondiElimina
  10. Grazie Anna per queste tue
    bellissime parole,
    un affettuoso saluto
    buon inizio 2012.

    Tiziano.

    RispondiElimina
  11. Che gioia trasmette questa fotografia, il sorriso di tua madre è meraviglioso.
    Buon anno.

    RispondiElimina
  12. Che bella foto, Tiziano.

    Non è da tutti avere la foto della mamma.

    RispondiElimina
  13. Amico mio,
    che ricordi struggenti !!!
    Bellissima la tua mamma...
    ...che dolce ed allegro sorriso!

    Un abbraccio stretto, di cuore!

    M@ddy

    RispondiElimina
  14. Si Paolo questa tradizione ancora per fortuna esiste, speriamo che duri ancora per molto, ciao buon anno Tiziano.
    P.S son contento che ti piaccia il mio colbacco

    RispondiElimina
  15. Ciao Ambra, ha ragione quei tempi cosi lontani bastava poco per sorridere ed essere felici.
    Tiziano.

    RispondiElimina
  16. Ciao Gabriella' sono sicuro mia mamma da lassù ti ringrazia come ti ringrazio io. buon anno.

    Tiziano.

    RispondiElimina
  17. Un grazie di cuore!
    Ciao Gianna.

    RispondiElimina
  18. Ma che bella fotografia, che ricordi!!
    Purtroppo vecchie tradizioni che stanno scomparendo, una volta si era felici con poco e si assaporavano i doni della vita con più gioia, ora tutto è dato per scontato e passa in fretta.
    I tempi cambiano e del resto la società deve andare avanti.
    Grazie di questa visione che possiamo fare attracerso gli occhi della fantasia con la tua foto.
    e buona befana

    RispondiElimina
  19. Oltre le tradizioni, è - purtroppo - anche un mondo che è scomparso...
    Buon anno Tiziano, la fotografia è bellissima!

    RispondiElimina
  20. Grazie Maddy per queste tue dolci parole, mia mamma da lassù ti sta già ringraziando,
    contracambio questo tuo stretto abbraccio di cuore.

    Tiziano.

    RispondiElimina
  21. Ciao Adriana!
    sai qui da noi si usa ancora,
    buona befana anche ha te.

    RispondiElimina
  22. Grazie Leonardo!
    il falo della befana dove (se brusa a veccia) da noi si fa ancora,
    ciao buon anno anche ha te.

    RispondiElimina
  23. Quanta roba ci sarebbe da bruciare...ma non certe tradizioni

    RispondiElimina
  24. auguri di cuore di un felice e ricco anno nuovo....bello questo post....bastava veramente poco per potersi divertire!!!!
    buona vita !!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  25. Anche da mia nonna, nelle langhe, si faceva questo falò. Si diceva che si bruciava l'anno vecchio. Pare passato un secolo da allora! Grazie per avermelo ricordato.

    RispondiElimina
  26. E' davvero un peccato che queste tradizioni vadano scomparendo!!!!

    RispondiElimina
  27. GRAZIE per aver condiviso con noi questo bellissimo scorcio della tua vita.
    Tua mamma aveva un sorriso meraviglioso e adesso capisco da dove abbiate preso tanta dolcezza tu e tuo fratello.
    A Torino c'è tutt'ora la tradizione di bruciare il falò il 24 giugno giorno di S. Giovanni (patrono della città) e da dove cade si deduce come andranno le cose... è comunque emozionante ed attira sempre tanta gente.
    Ancora un 2012 pieno di gioiosa serenità e con qualche sogno che si realizzi
    nonnAnna

    RispondiElimina
  28. Una bella tradizione, anche noi da piccoli a Napoli lo facevamo, poi si è persa l'usanza. Un cordiale saluto.

    RispondiElimina
  29. ciao Soffio sarebbe bello poter bruciare tutto quel che non va bene.
    buona giornata.

    RispondiElimina
  30. eh però non ci azzeccavano quasi mai ;-)

    RispondiElimina
  31. ora so da chi ha preso il sorriso tomaso... :-)

    bellissima questa foto ed il racconto che hai voluto aggiungere

    grazie tiziano

    RispondiElimina
  32. Ciao Raffaella ha quei tempi anche quando andava male doveva andar bene e così eravamo sempre felici,
    contracambio di cuore i tuoi auguri.
    Un caro saluto.
    Tiziano.

    RispondiElimina
  33. Ciao Viola!
    di fatto (brusar la veccia)voleva dire liberarsi dell'anno vecchio,
    quì nel Veneto la tradizione continua domani se brusa la veccia,
    buona serata.
    Tiziano.

    RispondiElimina
  34. Noi nel veneto cerchiamo di conservare più possibile le vecchie tradizioni!!!
    Ciao Elettra!
    Buona serata.

    RispondiElimina
  35. Grazie NonnAnna per questo tuo carissimo commento in particolare sul sorriso della mamma, ne sono certo da lassù lo apprezzerà molto,
    ancora auguri di un buon anno principalmente di salute e se si avvererà qualche sogno ancora meglio,

    ciao Tiziano.

    RispondiElimina
  36. Ciao Rirì, grazie della tua tanto gradita visita.
    un cordiale saluto.

    Tiziano

    RispondiElimina
  37. non sempre ma ogni tanto ci azzeccano,
    alla fine l'avevo capito anchio che andavano ha caso allora automaticamente ogni tanto andava bene,
    ciao Enrico buona serata

    RispondiElimina
  38. Ciao Vale la mamma era come Tomaso sempre contenta,
    grazie e buona serata.

    RispondiElimina
  39. Bel post e bellissima foto. Adoro le vecchie cose...

    RispondiElimina
  40. Ciao Dona grazie,
    buona serata.

    RispondiElimina
  41. Una volta di più una bella pagina di storia! E non sapevo che questa tradizione fosse diffusa anche in Veneto.

    RispondiElimina
  42. Bellissima foto, ricca di ricordi. Grazie per averla condivisa con noi.

    RispondiElimina
  43. Ciao Adriano! questa tradizione in Veneto è praticata tuttora,
    buona giornata.

    RispondiElimina
  44. Grazie ha te per la tua gradita visita,
    ciao creatività buona giornata ha presto.

    Tiziano.

    RispondiElimina
  45. Ciao Tiziano,
    voglio ringraziarti pure qui, a "casa tua", per l'affettuosa e costante partecipazione all'Angolo del sorriso.
    Ormai ci conosciamo abbastanza bene, ma il fatto di essere il fratello di Tomaso, ti rende mio amico.
    A presto...

    RispondiElimina
  46. Proprio non la conoscevo questa usanza, che bella!
    Ciao, buona serata

    RispondiElimina
  47. Ciao Guardiano grazie della tua così gradita amicizia.
    Buona serata a presto.

    RispondiElimina
  48. Ciao Giglio sono tradizioni che cerchiamo di tenerle in vita,
    questa sera e la sera dei grandi falo dove si brucia l'anno vecchio

    RispondiElimina
  49. Quante storie e tutte belle
    Ora viviamo un'epoca che pare che non c'è più nulla da raccontare tranne disagi e problemi.
    Che ben vengano queste antiche storie che riscaldano i cuori e attraverso loro raccogliamo un antico mondo
    fatto di poco ma quel poco ma di tanta e vera ricchezza umana.

    Buona epifania a te Tiziano e famiglia.
    Ciao

    RispondiElimina
  50. Ciao Rosy questa sera nel mio piccolo paese abbiamo rievocato il falò della befana,
    grazie del tuo gradito commento, buona serata.

    RispondiElimina
  51. What sweet woman, your mama Tiziano!
    Very tender memories!
    Tanti saluti
    Ciao

    RispondiElimina
  52. many thanks to my friend,
    da lassu la mamma ti ringrazia.
    ciao TIziano.

    RispondiElimina
  53. Grazie Tiziano per averci fatti partecipi dei tuoi bellissimi ricordi.
    Mandi

    RispondiElimina

Benvenuti cari amici ed amiche,mettetevi comode/i vi offro virtualmente un caffè, con calma se volete potete lasciare un vostro commento oppure solo un ciao sarete sempre miei graditi ospiti